Belgio: Misure nell’ambito dell’imposta sul reddito delle persone fisiche

Le principali misure in materia di imposta sul reddito delle persone fisiche approvate dal Governo belga alla fine dell’anno sono riassunte qui di seguito. Ad eccezione del beneficio in natura concesso per la corrente elettrica ed il riscaldamento, l’iter parlamentare non è ancora stato del tutto completato.

Riduzione del forfetario per spese professionali. I direttori di società che non deducono le spese effettivamente sostenute ai fini professionali, hanno il diritto ad una deduzione forfetaria che dipende dal salario lordo. L’importo delle spese forfetarie deducibili sarà ridotto dal 5% al 3% del salario lordo e sarà limitato ad un importo complessivo di 1.555,50 euro.

Automobili aziendali. A partire dal 1° gennaio 2010, la valutazione dell’importo del beneficio in natura per le automobili aziendali dipenderà dalle emissioni di CO2 del veicolo. Il valore del beneficio sarà determinato nel modo seguente: chilometri percorsi (uso privato) x emissioni di CO2 dell’automobile x coefficiente di CO2. I coefficienti CO2 da considerare sono 0,00210 euro per grammi di CO2 di motori di benzina, LPG o gas naturale e 0,00230 euro per grammi di CO2 per motori diesel.
La soglia minima per la distanza per stabilire questo beneficio rimane 5.000 km e l’importo non può essere inferiore a 0,10 euro per chilometro.

Spese di carburanti. A partire dal 1° gennaio 2010, la detrazione delle spese sostenute per i carburanti per scopi professionali sarà limitata al 75%.

Beneficio in natura per la corrente elettrica ed il riscaldamento. Un decreto reale è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 10 dicembre 2009 in relazione all’aumento dell’ammontare dell’importo forfetario del beneficio in natura in relazione alla predisposizione a titolo gratuito di corrente elettrica e riscaldamento da parte del datore di lavoro a favore dai lavoratori/direttori.

Investimenti ai fini del risparmio energetico. L’ambito della riduzione fiscale esistente per gli investimenti ai fini del risparmio energetico sarà ridotto perché non sarà più applicata a nuove abitazioni e l’importo massimo sarà ridotto da 2.600 a 2.000 euro a partire dall’anno imponibile 2012. Verrà tuttavia introdotto un importo di 300 euro di riduzione delle tasse per la durata di 10 anni per abitazioni a basso consumo di energia.

Share

A proposito di Alessandro Pasut

Alessandro Pasut è un professionista dell’impresa, costruttore di competitività, tessitore di relazioni economiche fra l’Italia ed il Centro Europa, in una prospettiva di sviluppo globale.
Questa voce è stata pubblicata in business e taggata come , , , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>