Romania: Investimenti diretti esteri

Secondo la Banca Nazionale romena, nel primo trimestre del 2011 gli investimenti diretti esteri sono diminuiti del 18% a 379 milioni di euro. Nello stesso periodo dell’anno precedente questo valore era ammontato a 486 milioni di euro. In gennaio 2011, gli investimenti diretti esteri avevano registrato ancora un valore di 240 milioni di euro, in aumento di quasi 8 volte rispetto al corrispondente mese del 2010.

Secondo quanto comunicato dal Centro Romeno per la Promozione del Commercio e degli Investimenti Stranieri (CRPCIS), i maggiori investimenti in Romania dall’inizio dell’anno sono stati realizzati dall’International Automotive Components (IAC) che ha iniziato la costruzione di una fabbrica a Bals per la produzione di ricambi auto. L’investimento è di 58 milioni di euro. La Shinheung Electronics di Oradea, che produce componenti elettronici, è stata inaugurata a gennaio 2011. Il valore dell’investimento è di 30 milioni di euro. La società americana Toro ha annunciato la costruzione di una fabbrica di sistemi di microirrigazioni a Ploiesti, con un investimento di 20 milioni di euro. Infine la società spagnola Siliken ha avviato a Timisoara un investimento di 5 milioni di euro in una fabbrica di pannelli fotovoltaici. Dall’inizio dell’anno, inoltre, sono giunte 15 nuove proposte di investimenti per un valore di 1,1 miliardi di euro.

Share

A proposito di Alessandro Pasut

Alessandro Pasut è un professionista dell’impresa, costruttore di competitività, tessitore di relazioni economiche fra l’Italia ed il Centro Europa, in una prospettiva di sviluppo globale.
Questa voce è stata pubblicata in business e taggata come , , , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>