Austria: specifiche sul regime di reverse charge

In Austria alla fine di maggio il Governo ha pubblicato la bozza per la legge della modifica alle imposte 2011. Alcune delle modifiche previste nell’ambito dell’imposta sul reddito delle persone giuridiche riguardano i seguenti settori:

IVA. A differenza di una versione precedente della bozza governativa, il regime del “reverse charge non verrà applicato alle forniture di imprenditori stranieri. Anche in futuro il beneficiario della prestazione sarà tenuto a trattenere l’IVA dovuta da un imprenditore straniero ed a versarla al rispettivo ufficio delle imposte.

La concessione di diritti di accesso nell’ambito di fiere, esposizioni, conferenze ecc. sarà esclusa a partire dal 1° gennaio 2012 dal regime del reverse charge. Per quanto riguarda gli organizzatori stranieri di manifestazioni, non si applicherà più la regola secondo cui il beneficiario della prestazione sarà tenuto a trattenere e versare l’imposta dovuta.

Share

A proposito di Alessandro Pasut

Alessandro Pasut è un professionista dell’impresa, costruttore di competitività, tessitore di relazioni economiche fra l’Italia ed il Centro Europa, in una prospettiva di sviluppo globale.
Questa voce è stata pubblicata in austria e taggata come , , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>