Germania: il mercato del lavoro

A sorpresa la locomotiva d’Europa registra una nuova frenata nel mercato del lavoro. A giugno il numero di disoccupati è cresciuto di 9mila unità, toccando un totale di 2 milioni e 916mila persone.

Secondo mese di fila di delusione per gli economisti, che prevedevano un calo. E che, anche stavolta, attribuiscono la dinamica al mancato rimbalzo primaverile a causa dell’inverno mite.
Il tasso di disoccupazione di giugno è rimasto saldo al 6,7%: presto, dunque, per parlare di prime crepe in Germania. Specialmente se lo si confronta con il resto dell’Eurozona: a maggio la media è rimasta ferma all’11,6%.

Nonostante il calo dal 12% dell’anno precedente (segnale quantomeno di una stabilizzazione) il dato Eurostat nasconde al suo interno realtà molto differenti.

Di fianco alle “prime della classe” Germania e Austria, vi sono Paesi come Spagna e Grecia dove il tasso supera il 25%.
Rispetto ad un anno fa c‘è comunque un deciso miglioramento nei Paesi oggetto di salvataggio, Portogallo e Irlanda.

Per avere da Alessandro Pasut una consulenza sull’economia internazionale clicca qui.

Share

A proposito di Alessandro Pasut

Alessandro Pasut è un professionista dell’impresa, costruttore di competitività, tessitore di relazioni economiche fra l’Italia ed il Centro Europa, in una prospettiva di sviluppo globale.
Questa voce è stata pubblicata in germania e taggata come , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>