Tunisia – Investimenti esteri

Alessandro PasutTunisia
Investimenti esteri

Fadhel Abdelkefi, ministro per lo Sviluppo, gli Investimenti e la Cooperazione Internazionale ha da poco presieduto a Tunisi un convegno organizzato dalla Camera di Commercio Tunisino-Francese; di rilievo è stato l’annuncio dell’avvio entro fine anno di un Consiglio formato da Camere di Commercio rappresentative di vari Paesi, con l’obiettivo di diventare punto di riferimento a cui rivolgersi per investimenti in tutti i settori.

Da precisare che oggi la Tunisia sta cercando di incrementare la presenza di investimenti esteri nel settore energie rinnovabili e fossili. Nel recente passato le difficoltà sono state importanti, ma ora gli investimenti stanno decollando. Nel primo trimestre del 2017, gli investimenti esteri in Tunisia sono aumentati del 18% rispetto allo stesso periodo del 2016, mentre gli investimenti nei settori industriali stanno registrando un aumento trimestrale del 60%, pari a 54 milioni.

Nel settore industriale sono presenti la Francia, l’Italia e l’Inghilterra, mentre il Qatar risulta essere il principale investitore nel settore dei servizi. Ancora poco appetibile il settore dell’agricoltura.
(Fonte: Ansamed)

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Tunisia, cliccate qui!

Share
Pubblicato il Tunisia | Lascia un commento

Tunisia

Alessandro PasutTunisia


La situazione economica attuale della Tunisia, come quella di altri Paesi che si affacciano sulle sponde meridionali del Mediterraneo, presenta varie sfaccettature.

Da un lato si registrano alcuni aspetti negativi: il turismo è in crisi, le banche risentono di scarsità di liquidità, la burocrazia è soffocante, l’inflazione è ad alto livello e sta mettendo le imprese in difficoltà, aumenta la disoccupazione soprattutto tra i laureati.

Ma il Paese non intende rimanere passivo e dall’ultima Conferenza sugli Investimenti esteri sul territorio emerge che netto è stato l’aumento di progetti presentati: solo nel settore industriale si creeranno 57 mila nuovi posti di lavoro, ma anche il settore delle costruzioni, dell’industria agroalimentare, dell’industria chimica e del vetro e ceramica vedono gli investimenti in aumento.

In sofferenza, invece, l’industria delle calzature e dell’abbigliamento.
(Fonte: C.C.I.A.)

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Tunisia, cliccate qui!

Share
Pubblicato il Tunisia | Lascia un commento

Brasile

Alessandro PasutBrasile


Stando agli ultimi dati ufficiali i disoccupati in Brasile sono saliti a 13 milioni e il Pil è diminuito nel 2016 del 3,6%. Il ricavato dall’esportazione di materie prime agricole, uno dei settori trainanti dell’economia brasiliana, è crollato.

Molti gruppi industriali hanno subito inchieste giudiziarie e questo ha creato un clima sfavorevole per gli investimenti dall’estero.

Anche la situazione politica ha contribuito a questa instabilità generale. Ma nonostante questa situazione difficile il governo brasiliano ha deciso di dare lavoro ad almeno 200mila persone investendo 13 miliardi di dollari nel settore delle infrastrutture: 55 opere suddivise tra autostrade, porti, binari e centrali elettriche.
(Fonte: Il Sole 24 ore)

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Brasile, cliccate qui!

Share
Pubblicato il brasile | Lascia un commento

Kuwait , infrastrutture petrolifere

Kuwait


I Paesi Opec hanno stabilito di ridurre di 1,2 milioni di barili al giorno la produzione petrolifera del 2017 rispetto a quella del 2016.

Anche gran parte dei Paesi non Opec hanno aderito a tale iniziativa, accettando una riduzione di 560 mila barili al giorno: tra questi il Bahrein, il Brunei, la Guinea Equatoriale.

Nonostante questo periodo di grandi cambiamenti per i produttori ed esportatori di petrolio, la Kuwait Petroleum Corp ha deciso di investire 115 miliardi di dollari nel potenziamento delle infrastrutture petrolifere, in un progetto che si svilupperà nei prossimi cinque anni e che riguarderà anche il settore petrolifero statale.

Il CEO della KPC ha precisato che il 30 per cento dell’importo sarà dedicato ai servizi locali.
( Fonte: Agenzia Nova)

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Kuwait,         cliccate qui!

Share
Pubblicato il Kuwait | Lascia un commento

Ungheria

Alessandro_PasutUngheria


-E’ stata approvata dal Governo ungherese la riduzione degli oneri a carico del datore di lavoro: nel 2017 l’aliquota scenderà dal 27 al 22%; nel 2018 arriverà al 20%.
-L’Istituto di Ricerche Economiche ungherese ha dichiarato una crescita del 2% del PIL nel 2016 e una previsione di crescita nel 2017 del 3%; nel 2017 gli investimenti aumenteranno del 5%, anche grazie all’afflusso dei fondi dell’Unione Europea.
-Nel 2017 è previsto un aumento del 3,5% nel settore industriale.
-Nel 2016 sono aumentate del 15% le immatricolazioni di nuovi autoveicoli e per il 2017 sono previste più di 100 mila vendite di autoveicoli nuovi; nel solo mese di gennaio, nonostante un clima particolarmente rigido, che di solito frena le vendite, sono già stati venduti 1200 autoveicoli commerciali, 300 grandi autoveicoli commerciali e 75 autobus.

(Fonte: IMEsteri.it)

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Ungheria, cliccate qui!

Share
Pubblicato il ungheria | Lascia un commento

Bulgaria

Alessandro PasutBulgaria


Si è da poco tenuto il “Decimo incontro annuale delle imprese e del Governo”, durante il quale il Presidente della Repubblica ha fatto una disamina della situazione economica bulgara.
Analizzando i dati definitivi del 2015, l’economia bulgara presenta una crescita del 2,8%, un aumento degli investimenti stranieri che si attesta intorno al 40%, è calata la disoccupazione, è diminuito il debito estero ed anche quello statale, ma il dato più significativo viene dall’export, che registra un aumento del traffico verso Berlino triplicato negli ultimi dieci anni, e lo scambio Bulgaria/Germania raddoppiato, conquistando una cifra pari a 6 miliardi di euro.

E’ inoltre migliorato il rapporto tra la Bulgaria ed i Paesi balcanici, con un aumento del 50% negli ultimi cinque anni.

Questa fase distensiva ha avuto ripercussioni positive anche nel settore del turismo, un esempio fra tutti l’aumento dei visitatori rumeni da 300 mila nel 2010 a 1,5 mln nel 2015.
(Fonte: BulgariaOggi)

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Bulgaria, cliccate qui!

Share
Pubblicato il bulgaria | Lascia un commento

Albania

Albania, nasce associazione laureati in Italia

Cinque professionisti albanesi, laureatisi in Italia presso prestigiosi atenei e ritornati in Albania a lavorare, con il desiderio di avere un ruolo evidente nello sviluppo economico del loro Paese, hanno dato vita alla Associazione Albalaureati.

Dopo pochi giorni dalla costituzione , gli iscritti erano più di 250: tutti giovani professionisti decisi ad usufruire di questa associazione per creare una rete di collaborazione non solo tra gli iscritti, ma anche con i colleghi italiani ed europei, mettendo a disposizione la propria formazione ed esperienza.

Albalaureati intende fare da cassa di risonanza ai vari progetti utili all’Albania per velocizzare la propria integrazione nell’Unione Europea.
L’Ambasciata italiana a Tirana, tramite l’Ambasciatore Alberto Cutillo, ha promosso fin dall’inizio questa Associazione, vista come valore aggiunto per le relazioni bilaterali tra Italia ed Albania ed ha concesso il patrocinio della Rappresentanza diplomatica.

 

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Albania, cliccate qui!

Share
Pubblicato il Albania | Lascia un commento

Canada – Agenzia delle Entrate, consultazione pubblica

Alessandro PasutCanada

Agenzia delle Entrate, consultazione pubblica.
Il Governo canadese vuole dare un’impronta diversa all’Agenzia delle Entrate trasformandola in una agenzia al servizio del contribuente, mettendo al primo posto l’equità fiscale e la semplificazione degli adempimenti fiscali.

E’ questo un progetto iniziato già nel 2012 ed ora sfociato in una consultazione generale a cui potranno partecipare tutti i cittadini; in pratica ogni contribuente che lo desidera può prendere appuntamento con un rappresentante dell’Agenzia e presentare i problemi della propria azienda o condividere informazioni ed opinioni utili a migliorare il servizio prestato dall’Agenzia verso i contribuenti. Tale consultazione generale, iniziata lo scorso ottobre, è  rivolta soprattutto alle piccole e medie imprese, per il Canada un settore molto importante dell’economia.

Gli appuntamenti avverranno presso tredici Camere di Commercio sparse nel vastissimo territorio del Paese; per chi abita lontano da questi luoghi, l’appuntamento potrà avvenire on-line registrandosi al sito creato apposta dall’Agenzia delle Entrate.

(Fonte: F.O.it)

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Canada, cliccate qui!

Share
Pubblicato il Canada | Lascia un commento

Colombia

Alessandro PasutColombia

Durante il Convegno “Reforma Tributaria Estructural” tenutosi a Bogotà pochi giorni fa, il Ministro delle Finanze ha illustrato la proposta di istituire il “Mono-Tributo”, una nuova imposta rivolta solo ai piccoli commercianti con l’obiettivo di facilitare il versamento dei tributi.

Il commercio è nel Paese un settore molto vitale, ma il “Mono-Tributo” si rivolgerebbe in particolare ai commercianti che operano in locali con superficie inferiore ai cinquanta metri quadrati, andando a sostituire la vigente imposta sul reddito e il regime semplificato Iva; inoltre è in progetto anche l’esenzione dalla ritenuta alla fonte e la possibilità dell’utilizzo dello smartphone per le transazioni economiche.

Chi aderirà al “Mono-Tributo” entrerà automaticamente a far parte di una Cassa di Previdenza ed al programma di risparmio volontario, istituito a favore degli anziani, ma usufruirà anche di facilitazioni nell’avvio dell’attività e di accesso al credito.

In attesa di approvazione.
(Fonte: F.O.)

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Colombia, cliccate qui!

 

Share
Pubblicato il Colombia | Lascia un commento

Ungheria

Alessandro_PasutUngheria, Fondi europei erogati.


L’Ungheria, nel periodo 2007-2015, ha usufruito dei fondi europei per costruire 500 km di nuove strade, 200 km di linee ferroviarie, per aiutare 2000 nuove start-up, per creare 100.000 nuovi posti di lavoro. Un report della Commissione Europea ha stimato che tra i 28 Stati membri dell’Unione Europea, l’Ungheria è stata quella che ha beneficiato maggiormente dei fondi europei, con un impatto sul PIL del 5%, rispetto ad una media del 4% di tutti gli altri Paesi dell’Unione.
Ungheria, General Electric a Budapest.

A Budapest è stato inaugurato un nuovo stabilimento della General Electric; darà lavoro a 400 persone, specializzate in sviluppo software e soluzioni IT, con un investimento di circa 26 milioni di euro. Questo stabilimento sarà per la GE l’unico in Europa, e farà parte di un gruppo di sei nuovi centri digitali che saranno aperti entro breve. La GE è presente in Ungheria dal 1989 e garantisce lavoro a 10.000 persone. Nel 2015 è risultata la compagnia con il maggior fatturato.

Richiedete una consulenza ad Alessandro Pasut e se siete interessati ad Investire in Ungheria, cliccate qui!

Share
Pubblicato il ungheria | Lascia un commento