Austria: disposizioni fiscali per i beneficiari di donazioni

In Austria al fine di soddisfare la normativa anti-riciclaggio vigente, la legge di modifica delle imposte del 2011 ha accolto una richiesta della FATF (Financial Action Task Force on Money Laundering).

A partire dal 1° aprile gli amministratori delle fondazioni private devono indicare alle autorità fiscali i nomi delle persone che fino al 31 marzo 2011 hanno ricevuto donazioni da parte della fondazione.

Di questo gruppo fanno parte tutti i beneficiari, indipendentemente dal fatto se siano indicati negli atti della fondazione o meno. Devono essere forniti anche i nomi dei beneficiari identificati dal fondatore, da un ente, dal consiglio d’amministrazione della Fondazione o da un altro organo.

La denuncia del beneficiario indicando la sua piena identità deve avvenire entro il 30 giugno. Deve inoltre essere denunciato l’inizio e il termine della posizione di beneficiario mentre non deve essere reso noto l’ammontare della donazione. Devono inoltre essere denunciati i beneficiari che si aggiungono dopo il 1° aprile, modificando l’atto di fondazione.

Share

A proposito di Alessandro Pasut

Alessandro Pasut è un professionista dell’impresa, costruttore di competitività, tessitore di relazioni economiche fra l’Italia ed il Centro Europa, in una prospettiva di sviluppo globale.
Questa voce è stata pubblicata in austria e taggata come , , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>