Repubblica Ceca: nuove disposizioni per il pagamento dell’iva

Secondo l’informazione rilasciata dalla Direzione Generale delle Finanze, l’interesse pubblico è ritenuto in pericolo anche quando un contribuente non adempie i suoi doveri, il suo diritto alla deduzione dell’IVA sostenuta non è riconosciuto ed è ridotto di almeno 500.000 corone e il contribuente contemporaneamente non paga l’importo dovuto a seguito di un accertamento supplementare entro le scadenze previste. In questi casi saranno considerate soltanto le procedure avviate dopo il 1° gennaio 2013 e le procedure il cui risultato avrà un impatto sulle decisioni delle autorità fiscali dopo il 1° gennaio 2014.

Le nuove disposizioni aumentano il numero degli operatori che potrebbero essere interessati dal concetto del pagatore inaffidabile. Anche se le autorità fiscali prenderanno in considerazione anche altre circostanze nella decisione sullo stato di pagatore inaffidabile, è ovvio che i nuovi criteri potrebbero essere soddisfatti da società che non presentano grandi problemi.

Per avere da Alessandro Pasut una consulenza sull’economia internazionale clicca qui.

Share

A proposito di Alessandro Pasut

Alessandro Pasut è un professionista dell’impresa, costruttore di competitività, tessitore di relazioni economiche fra l’Italia ed il Centro Europa, in una prospettiva di sviluppo globale.
Questa voce è stata pubblicata in Repubblica Ceca e taggata come , . Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>